Lacci d'acciaio e fucili fuori norma: bracconiere denunciato

L'indagine è partita con il ritrovamento di un laccio per caprioli in una radura, le guardie forestali sono riuscite ad identificare il bracconiere: in casa aveva anche armi e trofei non dichiarati

Lacci d'acciaio illegali trovati in casa di un cacciatore di Terragnolo, oltre a 5 fucili detenuti illegalmente, trofei di capriolo non denunciati e perfino un esemplare impagliato. L'indagine, coordinata dal Procuratore della Repubblica di Rovereto, è partita con il ritrovammento da parte dei forestali di un laccio in acciaio per la cattura di ungulati (caprioli, cervi,  camosci) piazzato in una radura. Una pratica che va contro le  leggi sulla caccia, tutto il materiale  è stato sequestrato ed il bracconiere deferito all'autorità competente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento