Ennesimo abbattimento illegale di camosci: nei guai due bracconieri di Pinzolo

Un altro episodio di caccia fuori stagione, l'animale nel mirino dei bracconieri, in questo periodo, è sempre il camoscio. Due cacciatori sono stati sorpresi dopo aver nascosto il corpo di un maschio abbattuto nella riserva di val Nambrone. Non avevano dichiarato nemmeno l'uscita, denunciati dalla forestale

Ennesimo caso di bracconaggio scoperto dalla foretale provinciale, dopo i due cacciatori denunciati per aver abbattuto un camoscio fuori stagione a Fondo, a finire nei guai questa volta sono due bracconieri di  Pinnzolo. I forestali, in collaborazione con il guardiacaccia di zona, li hanno fermati mentre scendevano in auto dai boschi della riserva di val Nambrone - Cornisello. E' il terzo episodio in due settimane. 

In un primo momento i due hanno affermatto di essere usciti "a vuoto", ma i fosrestali li  avevano avvistati mentre nascondevano i corpi di due camosci maschi nel bosco, prima del controllo. Un abbattimento illegale  sotto tutti i punti di vista: i due non avevano dichiarato l'uscita, l'abbattimento, il periodo e la verifica dell'esito  del tiro effettuato, come previsto dalle prescrizzioni tecniche per l'esercizio della  caccia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento