menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morto sul lavoro: niente da fare per un boscaiolo

L'esatta dinamica dell'accaduto è al vaglio dell'Ispettorato del lavoro. Sul posto carabinieri, vigili del fuoco ed elisoccorso

Un morto sul lavoro nei boschi delle Giudicarie. La tragedia è avvenuta nella mattinata di lunedì 9 settembre in località Zeller, a quota 1.300 metri, sopra Tione. Non si conosce ancora l'esatta dinamica dell'accaduto, sulla quale stanno facendo luce le autorità competenti, ma dalla valle arriva la conferma che si è trattato di un incidente mortale. 

La vittima è Paolo Valenti, 36 anni, papà di tre figli ed ex calciatore. Secondo le prime informazioni si sarebbe trattato di una caduta. L'uomo è precipitato da un'altezza di una decina di metri, e l'impatto con il suolo è stato fatale. Inutili i tentativi di rianimarlo.

La società calcistica: "Ciao Paolo, il destino è stato crudele"

L'allarme è scattato poco dopo le 10. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco volontari di Tione ed i carabinieri della locale stazione, al seguito delle ambulanze del 118. Vista la situazione è stato allertato anche l'elicottero sanitario, ma purtroppo per il boscaiolo non c'è stato nulla da fare. Sull'accaduto indaga l'Uopsal, l'ufficio preposto dell'Azienda sanitaria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento