Bomba neutralizzata dagli artificieri a Passo Ballino: risaliva alla prima guerra mondiale

Al lavoro i militari del secondo Reggimento genio guastatori alpini

Foto da Fb/Amici delle forze armate

Artificieri al lavoro nonostante l'emergenza coronavirus. È accaduto a passo Ballino nel comune di Fiavè, dopo che è stato rinvenuto un proiettile d'artiglieria da 75 millimetri, risalente alla prima guerra mondiale.

A neutralizzare l'ordigno bellico gli  artificieri dell'Esercito del secondo Reggimento genio guastatori alpini. L'intervento è stato effettuato con il coordinamento del Comando Truppe alpine di Bolzano con il Commissariato del governo di Trento, la disponibilità della Croce Rossa Italiana Corpo volontario militare e delle forze dell'ordine, insieme agli specialisti del Genio militare di Trento.

"Continuare ad operare nonostante l’emergenza Covid-19 - si legge in un comunicato del comando del Reggimento - è un’esigenza, un compito imprescindibile per gli uomini della Brigata Alpina Julia, al fine di salvaguardare la sicurezza della popolazione e del territorio nel suo complesso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

  • Individuato il corpo di Etienne Bernard, travolto da una valanga sul Sass Pordoi

Torna su
TrentoToday è in caricamento