rotate-mobile
Città violenta

Danni per 50mila euro e minacce: “Appena esco ve la faccio pagare ammazzandovi”

Sala scommesse distrutta da un uomo andato completamente fuori controllo

La scorsa notte, intorno all’’una e mezza, un 42enne albanese residente a Tuenno è andato in escandescenza distruggendo una sala Vlt per giochi e scommesse a Bolzano in via Innsbruck. A chiamare la polizia sono stati gli addetti alla vigilanza del locale quando hanno notato i comportamenti strani dell’uomo.

I fatti

Stando alle prime ricostruzioni, il cliente ha perso il controllo dopo aver bevuto l'ennesima birra. Decisamente su di giri, il 42enne ha prima urinato su una macchinetta, poi ha perso del tutto il controllo iniziando a urlare e a distruggere arredi e apparecchiature della sala. I danni, secondo una prima stima, ammontano a circa 50mila euro. Gli agenti della polizia sono prontamente intervenuti, ma alla vista delle pattuglie l'uomo è fuggito. Il tentativo di scappare è durato poco perché l’uomo è stato rintracciato in pochi minuti vicino a Ponte Campiglio. Bloccato dagli agenti, l'uomo ha opposto una violenta resistenza, ferendo uno dei poliziotti con calci e pugni. Con non poche difficoltà, il 42enne albanese è stato portato in questura dove ha continuato a minacciare i poliziotti urlando: "Vi faccio vedere io, vi ammazzo, appena esco da qui ve la faccio pagare ammazzandovi".

L’uomo è stato pertanto arrestato con l’accusa di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate e danneggiamento aggravato. Data la gravità dell'accaduto e i precedenti penali dell'individuo, il questore di Bolzano, Paolo Sartori, ha emesso un foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno a Bolzano per 4 anni e un divieto di accesso a tutti gli esercizi pubblici della provincia per 3 anni. La sua posizione sarà inoltre segnalata alla Questura di Trento per la revoca del permesso di soggiorno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danni per 50mila euro e minacce: “Appena esco ve la faccio pagare ammazzandovi”

TrentoToday è in caricamento