menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollettino coronavirus: altre 13 vittime in Trentino e 463 positivi

I dati comunicati dal Ministero e dalla Provincia autonoma di Trento e tutte le notizie sull'evolversi della situazione

Altri 13 decessi legati al coronavirus registrati nel bollettino aggiornato a giovedì 17 dicembre in Trentino. Non accenna a calare il numero quotidiano delle vittime della pandemia. Un dato che pone la provincia di Trento tra i territori con la mortalità più alta in Italia rispetto al numero di abitanti. I numeri che fotografano la situazione negli ospedali mostrano un timido calo: sono 48 le persone in terapia intensiva, ovvero 2 meno di ieri, mentre il totale dei ricoverati è di 456, ovvero 8 meno di ieri. I positivi al tampone molecolare registrati nelle ultime 24 ore sono 463, ma per 348 casi si tratta di una conferma al test rapido. Il totale delle persone attualmente positive in Trentino è di 3.144. I tamponi molecolari eseguiti, compresi quelli di conferma sul test rapido, sono stati 2895. I tamponi antigenici sono stati 1.505 ed hanno permesso di scoprire altri 238 positivi.

Fugatti: "Attendiamo domani, vedremo le scelte del governo"

"Come sapete - ha detto il presidente della Provincia autonoma maurizio Fugatti - il governo nella giornata di ieri aveva annunciato l'intenzione di procedere ad una zona rossa su base nazionale dal 24 di dicembre, qualche regione aveva chiesto di anticipare a questo weekend, nella giornata di oggi il governo non si è espresso ed ha rimandato tutto a domani alle ore 12 quando ci sarà un nuovo confronto. Per fare chiarezza possiamo dire che a questo punto fino al 24 la situazione dei negozi a livello nazionale non cambierà nelle restrizioni, questo weekend la situazione non viene ad essere modificata".

Nuova ordinanza di Fugatti: coprifuoco alle 20

"Tra la tarda serata di oggi e la mattinata di domani - ha aggiunto il presidente - vi saranno le nuove classificazioni delle regioni: il Trentino saprà se diventerà arancione o se resterà giallo. Secondo i dati che abbiamo a disposizione abbiamo una criticità sulle terapie intensive, anche se abbiamo passato diverse classificazioni con questi numeri e siamo sempre restati gialli. Altri dati che ci portavano ad alto rischio settimana scorsa questa settimana sembrano essersi stabilizzati. Ci viene chiesto di prendere decisioni al di là delle scelte del governo, ci sembra che sia inutile annunciare ordinanze che poi magari devono essere ritirate. Attendiamo le decisioni".

La situazione: tanti ricoveri e tante vittime

E' da giorni in doppia cifra il numero delle vittime del coronavirus in Trentino. Il presidente Maurizio Fugatti si è detto molto preoccupato per "una situazione critica che va costantemente monitorata". L'anomalia sui ricoveri, e purtroppo sui decessi, potrebbe essere in parte spiegata con l'improvviso aumento della fascia over70 tra i contagiati: gli ultrasettantenni sono passati in pochi giorni dal rappresentare il 10-15% dei nuovi casi fino al 25%. Si attende, anche in Trentino, il vaccino che dovrebbe essere consegnato all'inizio del 2021 in 17.000 dosi con precedenza ad operatori sanitari, socio-sanitari, ospiti e personale delle Rsa. 

Zona rossa: come e quando?

Si attende anche di sapere quali saranno le restrizioni per le festività che si avvicinano sempre di più, e soprattutto quando scatteranno. Il governatore trentino ha annunciato che il Governo starebbe valutando l'ipotesi di anticipare la zona rossa nazionale inizialmente prevista dalla Vigilia all'Epifania. Fugatti ha inizialmente dichiarato di aver espresso accordo per questa opzione, salvo poi firmare un documento della Lega per conferire al governatore friulano Fedriga il "mandato" per trattare con il Governo: l'obiettivo è di scongiurare un anticipo del "lockdown" natalizio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento