Bollettino coronavirus: 5 decessi in Trentino, i ricoverati sono un centinaio

I dati aggiornati diffusi dall'Azienda provinciale per i servizi sanitari e le ultime novità sulla lotta al contagio

Sono 191 i nuovi casi di coronavirus in Trentino, dopo il triste record dei 257 di ieri. Purtroppo però il bollettino di mercoledì 28 ottobre registra un forte aumento dei decessi: 5 persone sono morte con il virus, una in una casa di riposo e 4 negli ospedali di Trento e Rovereto. Tutti i decessi, specifica la Provincia, si riferiscono a persone anziane.

Aumentano anche i pazienti in terapia intensiva, oggi sono 6, così come il numero delle persone ricoverate, che sta sfiorando quota 100. La maggior parte dei nuovi contagiati, 128 su un totale di 191, presenta sintomi. L'intero ospedale di Rovereto, dove per ora solamente un piano era destinato a malati di coronavirus, tornerà ad essere "covid hospital", come prevede il piano di azione provinciale.

Rovereto torna ad essere Covid Hospital

"Il trend dei decessi e dei ricoveri è stato particolarmente analizzato dalla task force riunita questo pomeriggio nella Sala Depero della Provincia - si legge in una nota -. Se la situazione lo richiedesse, inizieranno analoghe procedure anche per gli altri ospedali trentini per assicurare, come avvenuto in primavera, un rafforzamento della copertura del servizio di terapia intensiva".

Prosegue nel frattempo il monitoraggio nelle scuole. Le classi attualmente in quarantena sono 116, dal momento che con le nuove norme emanate dalla Provincia occorrono due o più casi positivi per dichiarare una classe in quarantena. Sul fronte della scuola il governatore Fugatti ha annunciato entro fine mese una riorganizzazione dei trasporti per evitare da una parte l'ingresso alle 9 per le superiori imposto dal Dpcm e dall'altra la didattica a distanza, adottata al 50% dal vicino Alto Adige. 

Ristoranti e bar: protesta in piazza Duomo

Sul fronte della lotta al contagio, come abbiamo scritto nei giorni scorsi, il Trentino ha varato regole meno restrittive del Dpcm nazionale, consentendo ai bar di rimanere aperti fino alle 20 ed ai ristoranti fino alle 22. Stessa cosa ha fatto l'Alto Adige, che però ha anche previsto il coprifuoco alle 23 ed ha già annullato tutti i Mercatini di Natale. In provincia di Trento sono in corso le trattative per aprire in sicurezza sia i Mercatini di Natale (nonostante alcuni tra cui Trento, Rango e Pergine abbiano già rinunciato) che le piste da sci. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Bollettino coronavirus: +276 positivi e 3 decessi in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento