Cronaca

Folgaria: bocconi al metaldeide nei boschi, avvelenati due cani

E' stato denunciato per maltrattamento ad animali un 50enne di Folgaria, accusato di aver lasciato nei boschi attorno al paese dei bocconi avvelenati. Le indagini erano partite alcune settimane fa in seguito a due diversi episodi di avvelenamento, in entrambi i casi fortunatamente i cani non sono morti

Le indagini dei carabinieri di Folgaria sono iniziate in seguito a due episodi di avvelenamento accaduti alcune settimane fa: in entrambi i casi fortunatamente i cani non sono morti ma i padroni hanno segnalato il fatto in caserma. I sintomi riportati dai due animali hanno subito fatto pensare all'ingerimento di bocconi avvelenati, gli stessi poi ritrovati nei boschi attorno al paese, pezzi di carne impregnati di veleno per lumache contenente metaldeide, forse destinati alle volpi o ad altri animali selvatici, che se ingeriti in discreta quantità possono anche causare la morte di un animale delle dimensioni e del peso di un cane.

Gli avvelenamenti si sono verificati in due diversi episodi: i cani sono stati curati dal veterinario mentre i carabinieri si sono messi a caccia del responsabile. Grazie alle informazioni raccolte il cerchio si è stretto attorno ad un 50enne del luogo che dovrà ora rispondere delle sua azioni davanti al giudice, il reato è maltrattamento di animali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Folgaria: bocconi al metaldeide nei boschi, avvelenati due cani

TrentoToday è in caricamento