rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca San Lorenzo in Banale / Torre d'Ambiez

Sbagliano la via del ritorno e rimangono bloccate al buio sulle rocce a 2.800 metri

Impossibile l'intervento dell'elicottero a causa della nebbia: le due alpiniste sono state recuperate via terra, l'intervento si è concluso alle 3 del mattino

Si è concluso dopo le 3 del mattino l'intervento del Soccorso Alpino sulle Dolomiti d Brenta per recuperare due alpiniste bloccate, in gergo tecnico "incrodate" sulla Torre d'Ambiez. Le due, lombarde di 35 e 33 anni, erano bloccate a circa 2.800 metri di quota a caqusa di un probabile errore di valutazione nella seconda calata in corda doppia. Si sono infatti trovate in una posizione sfasata rispetto alla consueta via di discesa. Non riuscendo più a proseguire in autonomia hanno chiamato il 112: erano le 20 ed era ormai calto il buio.

Il coordinatore dell'Area operativa Trentino occidentale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l'intervento dell'elicottero che, tuttavia, non ha potuto effettuare il recupero a causa della nebbia presente in quota. Sette operatori della Stazione San Lorenzo in Banale sono saliti in jeep fino al rifugio Agostini e si sono messi in cammino per soccorrere le due alpiniste via terra, mentre i Vigili del Fuoco illuminavano la parete e il sentiero con una fotoelettrica dal rifugio Cacciatore.

Una volta arrivati alla base della parete, i soccorritori hanno affrontato il primo tiro della Via normale per poi attrezzare un traverso con una corda fissa di una decina di metri fino a raggiungere le due donne. Le due alpiniste, incolumi, sono state messe in sicurezza e calate fino alla base della parete dove, nel frattempo, alcuni soccorritori avevano allestito una corda fissa per affrontare in sicurezza il tratto di roccette che dalla base della parete porta al sentiero. Infine, i soccorritori e le due alpiniste sono rientrati dal sentiero fino al rifugio Agostini. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbagliano la via del ritorno e rimangono bloccate al buio sulle rocce a 2.800 metri

TrentoToday è in caricamento