rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Oltrefersina / Via Vicenza

Bisogni educativi speciali: dalla Provincia 45 milioni di euro, impegno confermato

Il presidente della Provincia Ugo Rossi ha partecipato oggi al saggio dell'Istituto scolastico di Povo, confermando l'impegno della Giunta

Sono 2.564 gli alunni/e che frequentano la scuola trentina che presentano bisogni educativi speciali, certificati come prevede la legge 104 del 1991. I ragazzi sono seguiti da circa 700 docenti (dal primo al secondo ciclo di istruzione e formazione), ai quali si aggiungono i circa 550 assistenti educatori e facilitatori alla comunicazione visiva e uditiva. Il tema è stato al centro della visita del Presidente della Provincia Ugo Rossi al saggio di fine anno dell'Istituto comprensivo di Povo.

"Non è solo una questione di numeri perché, anche se al Dipartimento della conoscenza c'è chi sta lavorando per una gestione ottimale di un tema così importante e delicato, sappiamo che il risultato finale dipende dall'impegno di chi ogni giorno entra in aula, e quindi ringrazio gli insegnanti e gli assistenti e gli ausiliari" ha  detto Rossi. Nell'anno scolastico che si sta chiudendo sono stati immpegnati oltre 45 milioni di euro per garantire l'insegnamento agli alunni con bisogni educativi speciali. Un impegno da parte dellaa Provincia, ha detto Rossi, che sarà confermato l'anno prossimo: "Impariamo da ciò che funziona a bene per cercare di fare ancora meglio". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bisogni educativi speciali: dalla Provincia 45 milioni di euro, impegno confermato

TrentoToday è in caricamento