Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca San Giuseppe / Via Roberto da Sanseverino

Renzo Piano inaugura la nuova biblioteca alle Albere

Inaugurata oggi la nuova biblioteca, preferita all'ipotesi di un edificio ex novo su piazzale Sanseverino. Un passo che avvicina Albere e via Verdi

Sette piani, circa 340mila volumi disposti su quasi 10 chilometri di scaffali e 430 postazioni studio ospitate su cinque livelli in 6mila metri quadri di spazi di lettura. Sono questi i numeri della nuova biblioteca universitaria inaugurata oggi nel complesso Le Albere a Trento. Al taglio del nastro era presente l'architetto e senatore a vita Renzo Piano, al quale si deve l'intero progetto del quartiere ivi compresa la struttura che inizialmente avrebbe dovuto ospitare un palacongressi. Come si ricorderà la scelta ricadde sull'edificio già in costruzione, dopo la bocciatura di un progetto, affidato ad un'altra "archistar" come Mario Botta, che prevedeva la realizzazione ex novo di un edificio in piazzale Sanseverino. 

"Migliaia di persone hanno lavorato - ha ricordato  Piano nel suo discorso - c’è stata fermezza e volontà politica, una continuità per decenni, un’amministrazione comunale, le maestranza e un utente, l’università con cui c’è stato un dialogo costante. Questa non è  solo  una scatola di libri, ricordando l'etimologi greca della  parola biblioteca, è uno spazio per stare assieme, un piccolo palazzo di luce; ui la bellezza fa da collante all’esperienza di incontrarsi in un gioco di spazi". Spazi che dovranno attendere ancora un po' per accogliere gli studenti: l'apertura è prevista a dicembre. 

Il prossimo tassello sarà il trasloco di parte delle aule studio all'ex CTE, dove troverà spazio anche la nuova mensa, "collante" tra via Verdi, via Inama, e Le Albere. Operazione che avverrà entro il 2018, ha assicurato il presidente della Provincia Ugo Rossi, che ha parlato di una città "aperta agli studenti, agli studiosi, ai ricercatori del territorio e di tutto il mondo". 

Gli studenti, o meglio alcuni di essi, dal canto loro non sembrano eccessivamente convinti di questa "apertura": la cerimonia è stata contestata, pur senza disordini degni di nota, a causa del taglio dei beneficiari di borse di studio operato in questi giorni dalla Provincia. Unn milione di euro in più è stato ora recuperato ed andrà ad aggiungersi ai 9 milioni di euro messi a disposizione per le borse. Cifre che, secondo i contestatori, stridono con quelle necessarie alla realizzazione della nuova, modernissima, biblioteca: 40 milioni di euro, secondo le stime ufficiali. Quella di Mario Botta, al quale sono stati liquidati comunque 500mila euro per il progetto, ne sarebbe costati 72. 

biblio-5

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Renzo Piano inaugura la nuova biblioteca alle Albere

TrentoToday è in caricamento