menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trentino al mare si improvvisa investigatore: segue due ladri da spiaggia e li fa arrestare

Vittima di un furto in spiaggia, il turista trentino si è trasformato in investigatore ed il giorno seguente è riuscito a far arrestare i ladri

Trentino in vacanza si improvvisa investigatore e fa arrestare due ladri. E' accaduto ad Igea Marina, nota località balneare della riviera romagnola. Il copione, purtroppo, è noto: insospettabili ladri si aggirano in spiaggia ed, approfittando della temporanea assenza dei legittimi proprietari, rovistano tra gli effetti personali lasciati incustoditi, magari per qualche minuto, sotto l'ombrellone. 

La Polizia: "Ha agito con grande spirito investigativo"

E' così che il 48enne trentino si è visto sparire il cellulare. Il giorno seguente, dopo aver già denunciato il furto alla locale stazione di Polizia, ha notato due soggetti che si aggiravano in spiaggia con fare sospetto. "Con grande spirito investigativo", come riporta il comunicato della Polizia, il trentino ha iniziato a seguirli a debita distanza notando che, mentre uno faceva da "palo", l'altro rovistava tra borse e zaini incustoditi.

Continuando a seguirli si è accorto che i due effettuavano anche dei prelievi dallo sportello bancomat più vicino, naturalmente con le carte rubate in spiaggia. A quel punto l'uomo ha segnalato quanto stava accadendo ad una pattuglia di passaggio che ha immediatamente fermato uno dei due malviventi.

Decine di furti in spiaggia

Il ladro aveva con sè borse e marsupi sottratti in spiaggia, con i documenti dei legittimi proprietari, oltre a carte bancomat, contanti, orologi, gioielli e cellulari, tra cui proprio quello del trentino derubato. Nelle ore seguenti si sono rivolti alla stazione di Polizia diversi altri turisti, tutti lamentando il furto di portafogli e cellulari ritrovati addosso al fermato, che è stato denunciato per furto in concorso.

Successivamente una pattuglia della Polizia ha identificato e rintracciato nelle vie della cittadina balneare il complice, anch'egli portato in  Questura e denunciato. I due hanno inoltre ricevuto un decreto di allontanamento dalla città di Cervia. Le indagini permetteranno di ricostruire tutti gli episodi attribuibili ai due e, forse, di restituire la refurtiva ai legittimi proprietari. Tutto questo grazie allo spirito di iniziativa di un trentino in vacanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento