rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Oltrefersina / Via Apollonio Annibale

Base jumper impigliato nelle rocce: recuperato nella notte dal Soccorso Alpino

Incredibile operazione che ha coinvolto oltre 20 uomini del Soccorso Alpino per recuperare un base jumper rimasto impigliato con il paracadute alle rocce del Becco dell'Aquila. I soccorritori lo hanno raggiunto percorrendo 300 metri di parete a vista, di notte, per poi calarlo imbarellato con le corde

Notte da incubo per un base jumper precipitato rimasto appeso alle rocce con il paracadute durante un volo dal Becco dell'Aquila, la montagna sopra Dro, meta prediletta degli amanti di questo sport estremo. Notte di lavoro per gli uomini del Soccorso Alpino che hanno faticato non poco per recuperare il giovane sportivo, 25 anni, dal punto un cui si trovava per poi trasportarlo in elicottero all'ospedale S. Chiara di trento, dove si trova tuttora ricoverato nel reparto di ortopedia, con una gamba fratturata ed una prognosi di 30 giorni.

L'allarme è scattato verso le ore 20 di ieri, lunedì 29 settembre, quando gli amici del ragazzo, non vedendolo atterrare, hanno chiamato il 118. Sul posto si sono presentati oltre 20 soccorritori, oltre a Carabinieri e Vigili del Fuoco. Assolutamente impervio il luogo dove si trovava l'infortunato, dopo un volo di circa 300 metri, fuori dalle vie attrezzate. Armati di corde, moschettoni e lampade i tecnici sspecializzati del Soccorso Alpino hanno affrontato la parete nel buio della notte, mai scalata prima, per circa 300 metri.

Verso le tre di notte hanno raggiunto il ferito, nel frattempo la via è stata attrezzata con delle corde fisse per far salire il medico che ha prestato i primi soccorsi direttamente sul posto. Il base jumper, che si era lanciato senza la tuta alare, è stato liberato dalle corde del paracadute ed assicurato su una barella.

Delicatissima l'operazione di calata della barella in verticale, per altri 300 metri. Le operazioni si sono concluse verso le 5.30 del mattino odierno: una volta a valle è stato chiamato l'elicottero che ha trasportato il ferito all'ospedale di Trento. Il velivolo è quindi tornato su posto per recuperare, con manovre particolarmente impegnative, anche i tecnici del Soccorso Alpino ancora sulla parete. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Base jumper impigliato nelle rocce: recuperato nella notte dal Soccorso Alpino

TrentoToday è in caricamento