Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Centro storico / Via Lavisotto

Barriere antirumore in via Lavisotto? "A rigor di norma" entro il 2018

Così si legge in un comunicato della giunta provinciale che riportail question time di questa mattina. L'assessore Gilmozzi ha risposto al consigliere Giovanazzi: "Sarà cura della Giunta sollecitare un'accelerazione da parte di RFI, cui compete il 75% dei lavori"

Riguardo alla realizzazione di barriere antirumore lungo la ferrovia in via Lavisotto a Trento, dove i residenti lamentano da tempo disagi, l'assessore Mauro Gilmozzi ha promesso oggi che "sarà cura della Giunta sollecitare un'accelerazione sulla realizzazione di questa struttura, che è a carico della Provincia per il 35% e a carico di RFI per la parte restante". I lavori per la realizzazione delle barriere antirumore sono cominciati in autunno da via Monte Baldo per proseguire lungo il quartiere, ancora in grandissima parte disabitato, delle Albere, Questa decisione è sembrata una beffa ai residenti di via Lavisotto, che si erano rivolti già nei mesi scorsi al consigliere comunale Claudio Cia. Ora è il consigliere provinciale Nerio Giovanazzi a sollecitare la Giunta sulla questione. L'interesse della Giunta sembra esserci ma i tempi, stando a quanto riporta un comunicati, sono lunghissimi: per completare le barriere antirumore, "a rigor di norme" si legge, si dovrà attendere il 2018.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barriere antirumore in via Lavisotto? "A rigor di norma" entro il 2018

TrentoToday è in caricamento