rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Via del Brennero

Brennero, la posizione ufficiale della Provincia: "Segnaleremo ogni violazione"

La provincia di Trento annuncia anche che metterà in atto un monitoraggio dei danni economici derivanti dalla chiusura delle barriere

"Il ripristino dei confini non è la soluzione idonea a risolvere i problemi in questione". All'indomani dell'incontro tra il ministro Alfano e l'omologo austriaco Wolfgang Subotka, la Giunta della Provincia autonoma di Trento esprime la propria posizione ufficiale riguardo alla questione, oggetto ieri anche di un messaggio del Papa che ha chiesto al vescovo di Bressanone Ivo Muser una particolare attenzione riguardo all'accoglienza dei profughi in Trentino Alto-Adige da parte della Chiesa. 

"La Provincia monitorerà attentamente gli effetti di ogni misura che l'Austria adotterà ai confini con l'Italia, in un'ottica particolarmente attenta ai principi che ispirano la cooperazione transfrontaliera fra i territori dell'Euregio, segnalando agli organismi competenti, ad ogni livello, le conseguenze negative che dovessero derivare da eventuali violazioni dei trattati europei" si legge nella nota diffusa oggi.

Sulla questione si è espresso in maniera ufficiale anche il presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti: "All'interno dell'incontro congiunto dei Gruppi consiliari dell'Euroregione sono già stati raggiunti tutti gli accordi possibili - questo il messaggio del presidente -  auspico per il futuro il superamento della cultura delle singole scelte in solitudine, a favore di una ritrovata collegialità della e nella politica". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brennero, la posizione ufficiale della Provincia: "Segnaleremo ogni violazione"

TrentoToday è in caricamento