Cronaca

Baratter ed il patto con gli Schützen: non ci fu corruzione elettorale

Assolti Corona e Dalprà. I giudici della Corte d’appello hanno stabilito che l’impegno di promuovere e sostenere l’attività degli Schützen trentini in caso di elezione non può essere considerato un accordo di natura corruttiva

Giuseppe Corona e Paolo Dalprà sono stati assolti in pieno dalla Corte d’ appello di Trento dall’accusa di corruzione elettorale. La sentenza ribalta quindi il verdetto di primo grado. Davanti al tribunale, infatti, l’ ex capo degli Schützen trentini ed il vice comandante, Giuseppe Corona, erano stati condannati a 5 mesi e 10 giorni di reclusione. Il presunto patto elettorale aveva coinvolto il consigliere provinciale ex Patt, Lorenzo Baratter che chiese ed ottenne di estinguere il reato prima del processo con la messa in prova ai servizi sociali. I giudici della Corte d’appello hanno però stabilito che l’impegno di promuovere e sostenere l’attività degli Schützen trentini in caso di elezione non può essere considerato un accordo di natura corruttiva. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Baratter ed il patto con gli Schützen: non ci fu corruzione elettorale

TrentoToday è in caricamento