Stop della Questura ad un bar di Piazza Duomo: "Ripetute violazioni delle norme"

La Questura: "Punto di riferimento di persone che apertamente violano misure di convivenza sociale"

Il Caffè 34 in piazza Duomo

"Irregolarità amministrative e situazioni di disturbo alla pubblica quiete". Queste le motivazioni, riportate in una nota della Questura, che hanno portato gli agenti al Caffè 34, uno degli esercizi pubblici che si affacciano su piazza Duomo, cuore della città.

Il Questore ha emanato un provvedimento di sospensione della licenza per 8 giorni. Numerose le segnalazioni alle forze dell'ordine per schiamazzi notturni, musica troppo alta e perfino una rissa all'alba, arrivati alla centrale di viale Verona.

Sulla base delle segnalazioni sono scattati i controlli, che hanno portato gli ageti a scoprire diverse irregolarità: somministrazione di alcolici a minori (in un caso accertato, addirittura minori di 16 anni) mancata esposizione del divieto di fumo, musica oltre gli orari consentiti, ma anche mancato rispetto delle norme anti-covid sul distanziamento. 

Sempre legato al "giro" del bar ci sarebbe anche un più inquietante episodio di minacce ai danni dei dipendenti del vicino albergo. Un quadro complessivo, spiega la Questura, che "evidenzia come l'esercizio funga da catalizzatore e da punto di riferimento di persone che apertamente violano misure di prioritaria importanza, poste a tutela dell'ordinato svolgimento della vita sociale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Ragazzina in bici investita dall'autobus in via Venezia

Torna su
TrentoToday è in caricamento