Carano, arrestato il badante infedele: spariti 3.900 euro dal conto dell'anziano disabile

Concluse le indagini sull'operatore socio sanitario: la denuncia partita dalla vittima, un "buco" di quasi 4000 euro sul conto

Concluse le indagini sul badante di Carano accusato di aver sottratto 3.900 euro dal conto dell'anziano  che accudiva. L'uomo, 47enne di origini laziali e da anni residente in Val di Fiemme, era già stato denunciato lo scorso 23 luglio dopo la segnalazione da parte della vittima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri della Compagnia di cavalese hanno potuto accertare, al termine di minuziose indagini, come il sospettato, ottenuta la fiducia del suo assistito, si sia impadronito della carta bancomat con il pretesto di utilizzarla per pagare  piccole spese domestiche. In realtà attraverso continui prelievi avrebbe sottratto dal conto dell'anziano la bella somma di quasi 4000 euro. E'  stato quindi arrestato, in attesa di giudizio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

  • Elezioni comunali a Trento: ecco i più (e i meno) votati

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Elezioni comunali: ecco gli eletti a Trento

  • Elezioni comunali, ecco il voto nelle circoscrizioni

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento