Cronaca

Lavis, bambino positivo in una scuola materna: classe in isolamento

Isolamento di una settimana in via precauzionale, la divisione in gruppi ha funzionato permettendo alla scuola di rimanere aperta. Il presidente: "Oggi le famiglie hanno una grande responsabilità"

Secondo caso, dopo quello di Pergine, di positività nelle scuole materne in Trentino a pochi giorni dall'avvio dell'anno scolastico. Questa volta è successo a Lavis alla scuola Madre Maddalena di Canossa. Il bambino aveva la febbre, quindi era stato tenuto a casa dai genitori, ed è risultato positivo al test solamente dopo gli accertamenti. In via precauzionale è scattata la quarantena per le maestre ed i compagni di classe, oltre naturalmente ai genitori. Il periodo di isolamento durarà però solamente una settimana.

"Le famiglie oggi hanno una responsabilità in più"

"Il bambino ha frequentato la scuola per un paio di giorni dopo l'apertura - spiega il presidente Stefano Talassi - la famiglia lo ha tenuto a casa quando si è accorta della febbre. A quanto sappiamo fortunatamente sta bene, e negli altri bambini della sua classe così come negli insegnanti non si sono ad oggi manifestati sintomi. E' stata per noi l'occasione per provare sul campo come funziona in questi caso, per fare da apripista anche per altre scuole, perchè sicuramente ci saranno altri casi".

Talassi lancia anche un appello alle famiglie: "In questo periodo chi ha figli ha una responsabilità in più verso la comunità. Basta un comportamento scorretto o magari solamente un po' a rischio per innescare una situazione difficile per altre famiglie. Questi primi casi dovrebbero far capire che dobbiamo pensare di più agli altri. Misurarsi la temperatura e misurarla ai propri figli dovrebbe essere un gesto quotidiano: io il termometro ce l'ho sul tavolo della colazione. Insieme, con senso di responsabilità, possiamo affrontare al meglio questa situazioone". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavis, bambino positivo in una scuola materna: classe in isolamento

TrentoToday è in caricamento