Tragedia di Pregasina: il padre rischia l'accusa di omessa custodia di armi

Proseguono le indagini coordinate dal sostituto procuratore di Rovereto Fabrizio De Angelis sulla morte di Stella Pederzolli, la ragazzina di 11 anni che ieri è morta uccisa dal colpo partito accidentalmente dalla pistola di ordinanza del padre, agente della stradale di Riva. Dopo aver confermato il fatto che si sia trattato di un incidente spuntano nuovi particolari: sembra he i colpi siano stati due e che sia stato il secondo ad uccidere la bambina, che stava maneggiando l'arma dopo averla trovata in camera del padre. Il padre potrebbe essere ora accusato di omessa custodia di armi, dato che la pistola si trovava, carica, in un cassetto che non era stato chiuso a chiave. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Casting a Trento per un nuovo film: si cercano comparse esili o dal 'volto antico'

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Casa gratis in cambio di volontariato: ecco il bando

  • Tensione tra dipendenti e la coordinatrice nella casa di riposo: 'la rossa della val di Rabbi' già travolta da uno scandalo in Trentino

  • Frontale in galleria: muore un ragazzino di 11 anni

Torna su
TrentoToday è in caricamento