Cronaca Centro storico / Via Tomaso Gar

Università: a Lettere si va in bagno solo con la carta studenti

La soluzione non è nuova, fu adottata dieci anni fa nella vecchia sede ai giardini S. Chiara, ma evidentemente mancava nella nuova sede di via Tommmaso Gar. Per scoraggiare l'ingresso di estranei nei bagni di Lettere è stato installato un sistema di riconoscimento delle tessere magnetiche

Nei bagni  della facoltà di Lettere in via Tommaso Gar potranno entrare solamente gli studenti ed il personale dell'Università. Non è solo un divieto "sulla carta": sulle porte dei servizi igienici sono stati installati dei lettori di banda magnetica per permettere l'accesso solamente a chi è in possesso del badge universitario, la tessera che viene rilasciata al momento dell'iscrizione e che serve anche per pagare il pranzo in mensa.

Una mossa che sembra essere nata dalla necessità di scoraggiare l'uso dei bagni da parte di persone senza dimora che stazionano sulle panchine all'esterno della facoltà. Un comunicato diffuso ieri su facebook dalla lista studentesca Atreju, che aveva chiesto tale provvedimento lo scorso novembre, parla di "accattoni e prostitute" che erano soliti usare i bagni riservati a prof e studenti

La soluzione non è nuova: fu adottata dieci anni fa, sempre a Lettere, nella vecchia sede vicina al parco Santa Chiara. Com'è noto lo stesso problema si pone per i bagni della Biblioteca centrale di via Roma. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università: a Lettere si va in bagno solo con la carta studenti

TrentoToday è in caricamento