Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Via Pinera

Autista salta la fermata per non far salire i profughi, ora rischia il licenziamento

Il caso, riportato oggi dal quotidiano Trentino, si riferisce al dicembre 2017. Da allora Trentino Trasporti ha già avviato un procedimento disciplinare

L'autista che "salta" la fermata in prossimità del campo della protezione Civile di Marco, con il chiaro  intento di non far salire i profughi, ha già ricevuto un provvedimento disciplinare da parte di Trentino Trasporti. Il caso è stato segnalato in procura. E' quanto precisa l'amministrazione provinciale dopo il video, pubblicato dal quotidiano Trentino, che testimonia la "cattiva abitudine" dell'autista alla fermata di via Pinera. In realtà il mancato stop è stato contestato solamente per due giornate di fila. 

UIL: "Accusa assurda, autista in buona fede". Ecco perchè (clicca qui)...

Il video è stato in realtà girato nel dicembre 2017 e pubblicato oggi. Durante questo periodo l'azienda ha già preso provvedimenti. La nota dell'Ufficio Stampa provinciale sottolinea anche che il provvedimeno disciplinare potrebbbe portare al licenziamento dell'autista. 

"L'azienda e gli uffici dell'Assessorato ai trasporti - si legge nella nota - si sono subito attivati per verificare se la mancata fermata trovasse conferma anche nel sistema di rilevazione satellitare del mezzo, che è in grado di indicare con precisione data e ora di ogni evento a bordo autobus, oltre che in filmati video che erano nel frattempo pervenuti e registrati da persone a bordo mezzo che intendevano provare una condotta in contrasto alle regole di esercizio, poiché chi è incaricato di pubblico servizio non può omettere di svolgerlo.  Per quanto accertato, la condotta si è concretizzata in una ripetuta violazione degli obblighi, con conseguente turbativa al regolare svolgimento del Servizio Pubblico con danno anche all'immagine della società."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autista salta la fermata per non far salire i profughi, ora rischia il licenziamento

TrentoToday è in caricamento