rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Piazza Dante

Dipendenti pubblici: nella busta paga di gennaio l'aumento concordato non c'è

Un accordo chhiuso in fretta per necessità di bilancio, ma ora la Provincia se la prende con calma: gli incrementi arriveranno con lo stipendio di marzo

L'aumento c'è ma non si vede. Incrementi stipendiali e relativi rretrati non si sono visti nella busta paga di gennaio dei dipendenti del comparto pubblico, per i quali era stato raggiunto l'accordo sul rinnovo a novembre.

Un accordo siglato "in tutta fretta" come ricordano i sindacati che ora chiedono il perchè di questo ritardo: "una fretta dovuta a necessità di bilancio ma anche al fatto di poter pagare tutto entro gennaio. Apprendere ora che per l’ente Provincia, che è il principale ente del comparto autonomie locali, il pagamento è previsto a marzo lascia interdetti; APSS, tanti Comuni e altri enti hanno già provveduto ai pagamenti con la mensilità di gennaio". La Cgil Funzione Pubblica chiede quindi che il pagamento del dovuto sia effettuato con lo stipenndio di febbraio. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendenti pubblici: nella busta paga di gennaio l'aumento concordato non c'è

TrentoToday è in caricamento