menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Profughi, duecento richieste di asilo politico in Trentino

L'assessore provinciale Lia Giovanazzi Beltrami ha reso noto al Tribunale di Trento che sono state presentate 200 domande di asilo politico da parte di profughi della Libia. Di queste 100 sono state esaminate e 50 accolte

L'assessore provinciale Lia Giovanazzi Beltrami ha reso noto al Tribunale di Trento che sono state presentate 200 domande di asilo politico da parte di profughi della Libia. Di queste 100 sono state esaminate e 50 accolte.

"Ogni profugo costa 25 euro al giorno al Trentino - ha aggiunto -, contro i 45 della media nazionale, segno che anche in questo campo il Trentino sa essere virtuoso e trasparente non chiedendo allo Stato la differenza di quota" ha concluso l'assessore.
 
Gli immigrati sono oggi il 10% della popolazione e danno un contributo importante alla nostra economia: il Trentino, con l'Alto Adige, è il territorio dove il contributo all'Inps è più alto, 14% contro il 7% della media nazionale, e anche il gettito Irpef generato dai migranti ha una media del 6,3%, contro il 4% circa di quella nazionale.
 
Inoltre  il 10% delle cooperative e il 10% delle ditte artigiane è frutto dell'intraprendenza dei "nuovi trentini", che per l'assessore sono "una risorsa economica e demografica, visto che per la maggior parte di loro sono giovani under 30". 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento