menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vivono insieme e poi finisce a coltellate: è tentato omicidio

Vivono nello stesso appartamento, dove era scoppiata una lite perché uno ha accusato l'altro di mettere le mani tra le sue cose. Ma per regolare i conti si sono incontrati, sembra per un caso, nel parco di piazza Dante

Vivono nello stesso appartamento, dove era scoppiata una lite perché uno ha accusato l'altro di mettere le mani tra le sue cose, rubandogli anche degli effetti personali. Ma per regolare i conti si sono incontrati, sembra per un caso, nel parco di piazza Dante. La vicenda si è conclusa con l'arresto di un uomo di circa 31 anni, bloccato dagli agenti di una volante della polizia di Trento per il tentato omicidio del coinquilino, colpito con un’arma da taglio.

L’episodio è avvenuto nella tarda serata di ieri a Trento, dove i due - che come detto abitano assieme in un appartamento di Rovereto - si sono casualmente incontrati. Il litigio iniziato in casa nella mattinata è ripreso, sembra a causa del rancore covato dell'aggressore, che si era visto accusare (a suo dire ingiustamente) di aver sottratto all'altro alcuni oggetti. Sentitosi accusato H.M. (queste le iniziali del 31enne) ha reagito prima con violenza verbale e poi con una coltellata, colpendo il coinquilino e quindi dandosi alla fuga. I poliziotti lo hanno trovato in città un paio d'ore dopo il fatto. Il fendente pare aver perforato il fegato del giovane aggredito ma, a quano sembra, i medici non ritengono che per l'uomo ci sia pericolo di vita. L'aggressore è stato denunciato per tentato omicidio.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento