La svolta

Disordini dopo la partita degli Europei calcio, un arresto

Un uomo è accusato di tentato omicidio:

È stato rintracciato e arrestato ieri sera a Pordenone il cittadino albanese di 32 anni protagonista qualche giorno fa dei disordini avvenuti a Bolzano a seguito delle partite Italia-Croazia e Albania-Spagna. Il giovane, pluripregiudicato per reati di vario genere e gravità, in particolare di natura violenta contro la persona, è accusato di tentato omicidio: al termine delle partite numerosi tifosi si erano radunati in piazza Vittoria per festeggiare il passaggio del turno, insieme a un gruppetto di tifosi albanesi simpatizzanti per gli azzurri.

Ne è scaturita una rissa con altri albanesi, delusi per l'eliminazione della propria nazionale, nella quale il 32enne ha estratto un coltello e ferito altri due giovani, uno in maniera lieve e uno più gravemente alla gola e a un braccio. Salvata grazie al pronto intervento di un poliziotto e di un carabiniere, che gli hanno prestato il primo, indispensabile soccorso, la vittima veniva trasportata al pronto soccorso e operata d'urgenza nel corso della notte, rimanendo per parecchi giorni in pericolo di vita, tanto da riportare lesioni compatibili con l'accusa di tentato omicidio. Nel contesto dei tafferugli anche una dirigente del servizio di ordine pubblico, vicequestore della polizia di Stato, rimaneva ferita alla mano da un colpo di arma da taglio.

Medicata presso il Pronto Soccorso, veniva poi dimessa con prognosi di 10 giorni. In considerazione della gravità del comportamento tenuto dal soggetto, dei precedenti a suo carico e della sua irregolare posizione in Italia, il questore della Provincia di Bolzano Paolo Sartori ha emesso a carico del 32enne un decreto di espulsione. Sono tuttora in corso ulteriori indagini al fine di identificare compiutamente tutti i rimanenti partecipanti alla rissa, e di verificarne il grado di responsabilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disordini dopo la partita degli Europei calcio, un arresto
TrentoToday è in caricamento