Droga

Barista trovato con 86 involucri di cocaina

In casa aveva anche 25mila euro. La polizia lo ha arrestato e, dopo un controllo nel locale in cui lavorava, ha deciso di chiuderlo e sospendere la licenza per un mese

Ufficialmente barista, ufficiosamente "narcos": è ciò di cui è convinta la polizia di Bolzano che ieri, martedì 11 giugno, ha arrestato un barista 36enne di origine albanese.

I fatti

Durante un controllo che ha visto impegnati, oltre alla polizia di Stato, i cinofili della guardia di finanza e la polizia locale di Bolzano, il 36enne è stato trovato in possesso di 24 involucri termosaldati di cocaina, già confezionata e pronta per lo spaccio, nascosti all’interno di pacchetti di sigarette.

Nell’auto dell’uomo, uno dei cani antidroga ha fiutato altri 62 involucri sempre di cocaina, per un peso complessivo di 65 grammi. Inevitabile, a quel punto, la perquisizione nella casa in cui l’uomo convive con la compagna, dove sono stati trovati 25mila euro in contanti; somma che, le forze dell’ordine, considerano i proventi dell’attività di spaccio.

Per lui è scattato l’arresto in flagranza di reato per detenzione e spaccio di droga. Ma non è finita qua: durante il controllo sono stati identificati alcuni avventori del pub in cui lavora l'uomo, alcuni dei quali con precedenti di polizia alle spalle. A quel punto, il questore di Bolzano Paolo Sartori ha disposto la sospensione della licenza e l’immediata chiusura del locale per un mese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barista trovato con 86 involucri di cocaina
TrentoToday è in caricamento