Cronaca

Intensa settimana di Natale, migliaia di controlli delle forze dell'ordine sfociano in denunce e un arresto

Diversi i reati contestati nei giorni di festa dai carabinieri della Compagnia di Cles

Foto di repertorio

Le forze dell'ordine lavorano per la sicurezza del territorio anche sotto le feste. Sono oltre 3000 le persone controllate dai carabinieri del Comando Provinciale di Trento nella settimana di Natale. Lo sforzo dell’Arma, come ogni anno, è finalizzato a garantire la sicurezza sulle strade e nelle case dei cittadini, che soprattutto in questi giorni sono stati occupati per l’acquisto di beni, anche di valore. Diversi gli episodi che hanno visto impegnati i militari.

A Cles un 36enne marocchino è stato arrestato per rapina, dopo avere aggredito violentemente un connazionale nella centrale via Pilati, dove lo ha percosso, spinto a terra e gli ha strappato il cellulare per poi fuggire e fare perdere le proprie tracce. Dopo i primi accertamenti, purtroppo l’episodio si è inquadrato in un più ampio contesto, che vede l’aggredito, vittima di una vendetta per gelosia. L’uomo, infatti, al momento dell’aggressione era con la ex compagna del rapinatore, che all’alba dello stesso giorno aveva già molestato entrambi. L'aggressore ha avvicinato la coppia bruscamente, minacciandola nella zona dell'abitato di Denno, ma non soddisfatto di questo, si è ripresentato a Cles per colpire, portando avanti una vera e propria rapina ai danni dei due. Dalle immagini delle video sorveglianze e dalle testimonianze raccolte nell’immediato, i militari del Nucleo Operativo sono risaliti alle abitudini di vita e ai luoghi frequentati dal fuggitivo e lo hanno rintracciato a Mezzolombardo, dove è stato tratto in arresto. Quindi, raccolte le prove, con la direzione della Procura della Repubblica di Trento, l’operaio 36enne di Sporminore, è stato portato in carcere.

A Rovereto un 16enne è stato denunciato in stato di libertà, per possesso di 40 grammi di marijuana e 20 di hashish. Il giovane, alla vista dei militari, ha tentato di disfarsi dello stupefacente in via delle Zigherane, che recuperato è stato sequestrato, insieme a 40 euro in contanti, ritenuti provento di spaccio.

A Malè un romeno di 33 anni è stato denunciato per i continui episodi di maltrattamenti e violenze domestiche, sono contro la consorte a partire da agosto di questa'anno, al culmine dell’ennesimo litigio e sotto l’effetto di sostanze alcoliche. Analogo epilogo per un 44enne di Rabbi, resosi responsabile di violenze fisiche e psicologiche nei confronti della convivente.

A Romeno, un 30enne un cittadino romeno, residente a Borgo d’Anaunia, è stato denunciato in stato di libertà, dopo essere stato sorpreso alla guida della propria auto, sotto l’effetto di sostanze alcoliche (3 volte oltre i1 limite) e stupefacenti. A Fai della Paganella, un albanese di 37 anni, irregolare e senza fissa dimora, è stato denunciato in stato di libertà per non aver ottemperato all’ordine di espulsione, emesso il 5 maggio di quest'anno dalla Questura di Parma.

A Primiero San Martino di Castrozza invece, un 26enne della provincia di Teramo e un 30enne della provincia di Messina, sono stati denunciati in stato di libertà per una truffa ai danni di un 62enne del posto, ingannato a versare 2000 euro su carte ricaricabili a loro riconducibili.

Quest’anno, come per tutti, si aggiunge l’impegno di assicurare il rispetto delle misure volte a prevenire la diffusione del Sars-Cov2, che vede impegnati i carabinieri, come nel primo lockdown a scongiurare i temuti incrementi di contagio. Infatti, dalle prime ore di giovedì 25 dicembre, sono in stati messi in atto i servizi di prevenzione sul territorio, volti a sensibilizzare la popolazione e prestare aiuto a chi versa in difficoltà, anche con riferimento agli episodi di violenza domestica. I carabinieri nell’augurare un Buon Natale a tutti i Trentini, rinnovano la propria vicinanza alla popolazione e invitato a chiamare, in caso di bisogno o per ogni altra segnalazione, al numero unico di emergenza 112.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intensa settimana di Natale, migliaia di controlli delle forze dell'ordine sfociano in denunce e un arresto

TrentoToday è in caricamento