rotate-mobile
Cronaca

Marmolada, Fugatti firma lo stato di emergenza

Secondo l'ordinanza "il rischio di altri crolli è concreto"

Il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha dichiarato lo stato di emergenza sull'area in cui mercoledì 6 luglio il sindaco di Canazei aveva già posto il divieto d'accesso.

L'ordinanza è datata venerdì 8 luglio e, a partire dalla considerazione che quanto avvenuto è da considerarsi una "calamità" e che "il rischio di altri crolli è concreto", ordina a tutti gli enti e le strutture competenti di operare per ristabilire con urgenza una situazione di normalità.

"I rifugi, le malghe e le strutture ricettive presenti in loco subiranno ingenti perdite economiche dalla chiusura del massiccio della Marmolada - si legge nel documento -. I danni potranno essere quantificati solo superata la fase emergenziale".

La cessazione dello stato di emergenza non è indicata: toccherà a un altro decreto del presidente stabilirne la fine.

Marmolada, recuperati tutti i corpi: chi sono le 11 vittime

La ricostruzione della tragedia del 3 luglio

Nel documento viene ricostruito anche quanto avvenuto domenica 3 luglio quando un seracco si è staccato da Punta Rocca innescando una frana di ghiaccio misto roccia che si è protratta per circa due chilometri. Nel suo percorso la valanga di ghiaccio ha man mano aumentato il suo volume arrivando a 300mila metri cubi di materiale. 

Da una prima stima, il fronte che è crollato è largo 80 metri e altro 30, per un volume stimato di circa 40mila metri cubi. Si stima che l'ondata di ghiaccio e neve abbia raggiunto i 300 chilometri orari travolgendo gli alpinisti e gli escursionisti che si trovavano a valle del distacco.

Dalle ultime stime si contano 19 tra feriti (8) e vittime (11).
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marmolada, Fugatti firma lo stato di emergenza

TrentoToday è in caricamento