Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Arco, mesi di attesa per tritare un cumulo di ramaglie. Betta: "Rischio incendio"

Le ramaglie provengono dalle varie potature comunali e che vengono accumulate in quella zona per semplificare le procedure di smaltimento

Un'attesa che dura da mesi e che vede al 4 di luglio, in zona piscine ad Arco, mucchi di ramaglie che attendono di essere tritate per continuare il loro processo naturale. Il primo cittadino Alessandro Betta è preoccupato che, se non si interviene immediatamente, qualcuno possa fare qualche bravata, considerando anche gli ultimi incendi verificatisi ad Arco a fine giugno e per i quali erano state avviate delle indagini.  

"Sto aspettando dalla Comunità di Valle che triturino le ramaglie da tre mesi - ha spiegato il sindaco Betta -. Si trovano in zona piscine e il rischio incendio c'è, anche considerando quanto accaduto recentemente". Ramaglie che provengono dalle varie potature comunali e che vengono accumulate in quella zona per non doverle portare fino a Riva del Garda.

"Non si può continuare a procrastinare" ha affermato il primo cittadino. "Se prendono fuoco, è un mio problema. Mi avevano detto che sarebbero venuti il 30 giugno e ancora non sono arrivati". Adesso, la promessa è che chi di dovere risolverà la questione entro lunedì 5 luglio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arco, mesi di attesa per tritare un cumulo di ramaglie. Betta: "Rischio incendio"

TrentoToday è in caricamento