Cronaca

Bimbo fatica a respirare, i carabinieri lo soccorrono e lo portano in ospedale

I militari hanno da subito notato che il bimbo, di circa un anno, non stesse affatto bene, tant’è che i genitori avevano già allertato i soccorsi percependone la difficoltà nel respirare ed erano scesi per strada ad attendere l’ambulanza

Notano una giovane coppia con il braccio un bimbo piccolo particolarmente agitata, si avvicinano e portano il piccolo in ospedale. È accaduto ad Arco, nella serata di venerdì 11 giugno. A notare che qualcosa non andasse sono stati i carabinieri della Stazione di Arco.

I militari hanno da subito notato che il bimbo, di circa un anno, non stesse affatto bene, tant’è che i genitori avevano già allertato i soccorsi percependone la difficoltà nel respirare ed erano scesi per strada ad attendere l’ambulanza.

Purtroppo, il mezzo di soccorso tardava ad arrivare, con grande probabilità a causa delle vie strette del borgo. Vista la gravità della situazione, i carabinieri, adottando tutte le precauzioni connesse anche all’emergenza pandemica, hanno trasportato nell’auto di servizio il padre e il piccolo e informato il pronto soccorso locale, raggiunto in pochi minuti.

Una volta arrivati in ospedale, i sanitari hanno immediatamente prestato le prime cure al bimbo e dopo averlo stabilizzato, lo hanno trasferito al reparto pediatrico dell'ospedale S. Maria del Carmine di Rovereto. L’iniziale spavento, si è dunque tramutato in sollievo dopo che i sanitari hanno dichiarato che il bambino era fuori pericolo, anche se tuttora ricoverato in ospedale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo fatica a respirare, i carabinieri lo soccorrono e lo portano in ospedale

TrentoToday è in caricamento