menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Apriamo i porti: protesta anche a Trento. "Salvini fascista in camicia verde"

Protesta al Commissariato del Governo di Trento dopo la decisione del neoministro dell'Interno sulla nave Acquarius, dell'Ong Mediterrenèe, con a bordo più di 600 persone

Protesta anche a Trento contro la decisione del neoministro dell'Interno Salvini di vietare l'attraccco in Italia alla nave Acquarius, imbarcazione dell'Ong umanitaria SOS Mediterranèe con a bordo più di 600 migranti. Lo slogan, opposto a quello delministro leghista, è "Apriamo i porti". 

Un'altra nave verso le coste italiane, a bordo 900 migranti

Il presidio a Trento si terrà oggi, martedì 12 giugno, alle 18.00 presso il Commissariato del Governo. La manifestazione è formalmente oranizzata dal comitato Non Una Di Meno, ma ha ricevuto l'adesione di immportanti realtà associative come Libera, Arci, Emergency, Amnesty, Centro Astalli ed il Forum per la Pace ed i Diritti Umani, organo istituzionale della Provincia di Trento. 

Acquarius dirottata in Spagna, Salvini: "Alzare la voce paga"

"Contro questo orrore vogliano far sentire le nostre voci per tutte le persone che sono costrette a fuggire, per tutte le persone che fuggendo trovano la morte, per tutte le persone che, fuggite, si trovano in condizioni di nuova e crudele schiavitù, per tutte le donne brutalmente stuprate da branchi di canaglie, che si imbarcano portando spesso nel ventre una vita che nasce dalla brutalità maschile, per tutte le ragazzine messe in strada ancora adolescenti a beneficio di uomini non meno bruti" si legge nel volantino. 

Il centro Astalli di Trentoo: "Autorizzare ogni fututo arrivo"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento