menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brennero: si cerca la famiglia di Anthony, l'Austria chiede controlli in territorio italiano

Il ministro austriaco Sobotka chiede controlli congiunti sui treni merci coinvolgendo Roma e Berlino. Della famiglia del piccolo profugo della Sierra Leone nessuna traccia

Quello del Brennero potrebbe essere il primo esempio di check-point trilaterale all'interno delle frontiere europee. Il ministro austriaco Wolfgang Sobotka ha annunciato di voler istituire controlli comuni in territorio italiano sui treni merci coinvolgendo, oltre alle forze di polizia dei due Stati sui due versanti del valico, anche la polizia tedesca. 

I controlli congiunti finora vengono effettuati solamente sui treni passeggeri, ma è su un treno merci che lunedì pomeriggio gli agenti della Polfer italiana hanno trovato, in avanzato stato di ipotermia, un bambino di cinque anni, cittadino della Sierra Leone, probabilmente in viaggio dall'Italia verso la Germania, non si sa se da solo o con la famiglia.

Dei genitori di Anthony, così il bambino ha detto di chiamarsi agli agenti, nessuna traccia. E' ricoverato presso un ospedale trentino e sta bene. L'associazione Antenne Migranti lancia un appello su facebook ai genitori, affinchè si facciano vivi specificando che non hanno nulla da temere: "se la famiglia è senza documenti non corre alcun pericolo di essere espulsa, garantiremo il massimo supporto legale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Attualità

L'estate 2021 tra distanziamento e mascherine: come sarà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento