Il dramma / Lago di Garda

Tragedia nel Garda: cerca di salvare il fratellino e annega

Dramma nel pomeriggio di sabato 19 agosto. La giovane, Anna Lorenzi, aveva solo 20 anni

Doveva essere un piacevole pomeriggio d’agosto, si è tramutato in una tragedia indicibile. È quanto accaduto ieri, sabato 19, a Garda, in località Corno, nel veronese. Anna Lorenzi, di soli 20 anni, era lì con la famiglia quando, a un certo punto, ha visto il fratellino 14enne in difficoltà tra le onde del lago.

La giovane non ha esitato a tuffarsi da un pontile per soccorrerlo. Purtroppo, però, non è più riemersa. Immediatamente è stato dato l’allarme e sul posto si sono precipitati i soccorritori.

Si tuffa nel fiume e non riemerge più: il dramma di Massimo

Le ricerche e la tragedia

Come riportano i colleghi di VeronaSera, il mezzo GC B135 con a bordo il soccorritore marittimo è intervenuto immediatamente nelle acque dov'era stata vista l’ultima volta la giovane. Il soccorritore si è quindi prodigato in una serie di ripetute immersioni alla ricerca della ragazza. La sala operativa della guardia costiera del lago di Garda ha fatto sapere di aver altresì richiesto l’intervento dei sommozzatori dei vigili del fuoco di Venezia.

In base a quanto viene riportato, è stata inviata in zona anche l’idroambulanza di Bardolino. È poi giunto nell'area delle ricerche anche l’altro mezzo della guardia costiera, GC A58, dirottato dalla sponda lombarda del lago. Contrariamente alle speranze di tutti, le ricerche si sono purtroppo concluse con il ritrovamento della giovane ormai deceduta, trovata a 6 metri di profondità e a 30 metri dalla riva.

La Procura di Verona ha concesso la restituzione del corpo della ragazza ai familiari giunti sul posto della tragedia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia nel Garda: cerca di salvare il fratellino e annega
TrentoToday è in caricamento