rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Piazza di Centa

Sassi contro i Vigili del Fuoco, solidarietà di sindaco e questore: "Vile ritorsione"

Un vile gesto, sicuramente una ritorsione per la partecipazione dei Vigili del fuoco allo sgombero della villa occupata dagli anarchici, così sindaco e questore commentano l'attacco di questa notte alla caserma di piazza Centa

"Comportamenti che non hanno nulla a che vedere con l'espressione del dissenso e che la nostra comunità non può tollerare" con queste parole il sindaco di trento Alessandro Andreatta commenta l'attacco alla sede del Corpo permanente dei Vigili del Fuoco, avvenuto questa notte alla caserma di piazza di Centa. Parla di violenza gratuita, e di ritorsione.

Si segue infatti la pista anarchica per dare un volto ai responsabili, circa una ventina. I Vigili del Fuoco infatti furono chiamati ad intervenire la settimana scorsa nello sgombero del'edificio occupato dagli anarchici in via Mattioli. "E' un'azione spregevole perchè colpisce un'istituzione che ha la sua ragion d'essere nella tutela dei cittadini, una vile ritorsione contro l'impegno e il lavoro dei Vigili del Fuoco, il cui unico torto è quello di aver compiuto e di compiere tutti i giorni il proprio dovere" si legge nella nota di Andreatta.

"Sono in corso approfonditi accertamenti per identificare i responsabili fa sapere il Questore, che esprime solidarietà ai Vigili del Fuoco ed assicura "l'impegno della Questura nel perseguire tutti i comportamenti antidemocratici e prevaricatori". Anche in questo caso dalla nota emerge qualcosa di più di un'ipotesi, riguardo a chi siano i responsabili: "l'episodio è un'ulteriore riprova dell'esistenza di presenze troppo a lungo tollerate e della necessità di un'opera sinergica tra le istituzioni locali, le forze di polizia e la magistratura". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sassi contro i Vigili del Fuoco, solidarietà di sindaco e questore: "Vile ritorsione"

TrentoToday è in caricamento