Cronaca

Anabolizzanti proibiti venduti nelle palestre: patteggiano in nove

Nove degli arrestati nell’indagine che nel 2015 portò alla scoperta di un vasto giro di anabolizzanti proibiti nelle palestre di Trento, hanno infatti patteggiato pene da 16 a 18 anni

Vendere anabolizzanti proibiti all’interno delle palestre è un reato equiparato allo spaccio di droga. Lo ha stabilito il giudice di Trento, Francesco Forlenza, che ha ufficializzato una serie di patteggiamenti. Nove degli arrestati nell’indagine che nel 2015 portò alla scoperta di un vasto giro di anabolizzanti proibiti nelle palestre di Trento, hanno infatti patteggiato pene da 16 a 18 anni. Tra gli imputati anche due farmacisti trentini. Nel corso dell’indagine furono sequestrate sostanze proibite per 7 milioni di euro, che ora sono state distrutte. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anabolizzanti proibiti venduti nelle palestre: patteggiano in nove

TrentoToday è in caricamento