Le parole

"Io superstite del crollo della Marmolada, la mia vita è cambiata per sempre"

Così Alessandra De Camilli, una delle superstiti della tragedia della Marmolada che le ha portato via il compagno, Tommaso Carollo, 48 anni di Thiene, in provincia di Vicenza

"Due anni. Due anni da quel giorno che mi ha cambiato per sempre la vita. Due anni che sono sembrati eterni perché ogni minuto è stato dedicato a cercare di superare quanto accaduto, emotivamente e fisicamente. Due anni che nello stesso tempo sembrano non essere trascorsi perché i ricordi di ciò che ero e avevo prima e di quel momento sono vividi come fosse successo ieri. Due anni dalla lezione più importante che la vita mi ha dato: non dare mai nulla per scontato, la vita prima di tutto".

Così Alessandra De Camilli, una delle superstiti della tragedia della Marmolada che le ha portato via il compagno, Tommaso Carollo, 48 anni di Thiene, in provincia di Vicenza, una delle 11 vittime di quel 3 luglio 2022 quando il ghiacciaio ha collassato. "Ho continuato ad andare avanti come facevo in montagna, un passo dopo l'altro - ha aggiunto De Camilli -. Anche quando il percorso è difficile e ripido. Sai che la cima da raggiungere è lì e tornare indietro sarebbe più facile, ma non lo fai. Vai avanti e quando arrivi in cima vedi dall'alto il percorso fatto, e un po' ti meravigli di essere riuscito a percorrerlo. Nello stesso tempo respiri profondamente e tutto ti sembra più chiaro. Forse un giorno sarà così anche per questo percorso che la vita mi ha posto davanti. Al momento ho imparato ad accettare ciò che è accaduto, accettare tutto ciò che ho perso e che è cambiato, accettare tutto ciò che ora è difficile. Non sono arrabbiata, penso di essere fortunata ad essere viva e vado avanti, con queste consapevolezze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Io superstite del crollo della Marmolada, la mia vita è cambiata per sempre"
TrentoToday è in caricamento