Fermato per un controllo: ha con sè un cacciavite e 2 mila euro

Vani sono stati i tentativi di giustificare il possesso della somma oltre che dell'utensile: i carabinieri di Aldeno hanno deferito il ragazzo, 26 anni, alla Procura di Trento

Il fatto di andarsene in giro a passeggio con un cacciavite in tasca e oltre 2 mila euro in contanti è bastato ad insospettire i carabinieri, che lo hanno poi deferito all'autorità giudiziaria. E' successo un paio di sera fa: i carabinieri di Aldeno stavano effettuando i soliti controlli tra il centro abitato e la periferia del paese, volti principalmente a prevenire episodi di furti in abitazione o su auto in sosta, e hanno fermato un 26 enne che sembrava abbastanza tranquillo sino a quando, nell’approfondire il controllo è salto fuori un cacciavite di grosse dimensioni e un bel malloppo di svariate centinaia di euro. Vani sono stati i tentativi di giustificare il possesso di quella somma in contante oltre che dell’utensile, per cui si è proceduto a sequestrare il tutto per i dovuti accertamenti. Il ragazzo è stato deferito alla Procura di Trento innanzi alla quale dovrà rispondere del possesso del cacciavite, oltre che giustificare il denaro in contante (più di 2 mila euro).   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coranavirus, supermercati presi d'assalto anche in Trentino

  • Un caso di Coronavirus in Alto Adige

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • Gravissimo incidente in A22, auto si schianta contro un tir: muore un uomo

  • Nuovo caso di coronavirus in Trentino: è una donna del Lodigiano in vacanza a Folgarida

Torna su
TrentoToday è in caricamento