Braciere in camera da letto per scaldarsi, intossicata famiglia ad Ala

Alle prime ore del mattino si sono svegliati accusando malori, hanno chiamato la guardia medica che ha dato l'allarme a 118 e carabinieri. Intossicazioni da monossido per i genitori e i 2 figli minorenni, trasportati all'ospedale di Bolzano

Si sono svegliati alle prime ore del mattino odierno, sabato 2 novembre, accusando malori e giramenti di testa. La sera prima avevano portato in camera da letto un braciere, un contenitore metallico con dentro braci ardenti, prese dalla stufa, per scaldarsi. E' così che è finita intossicata un'intera famiglia di Ala, marito e moglie con i figli di 8 e 10 anni. I locali dell'appartamento sono piuttosto piccoli e le braci hanno finito per consumare tutto l'ossigeno delle stanze. Appena hanno avvertito i primi sintomi hanno chiamato la guardia medica che a sua volta ha chiamato il 118. Sul posto sono stati chiamati anche i carabinieri per gli accertamenti del caso. Tutti e quattro sono stati trasportati d'urgenza all'ospedale di Bolzano dove potranno rievere le cure contro l'intossicazione da monossido di carbonio. Fortunatamente non sono in pericolo di vita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei boschi di Pinè: cacciatore spara agli amici

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Guida Michelin 2020: ecco i ristoranti "stellati" in Trentino

  • Pioggia e neve: allerta meteo della Protezione Civile per le prossime 48 ore

Torna su
TrentoToday è in caricamento