Braciere in camera da letto per scaldarsi, intossicata famiglia ad Ala

Alle prime ore del mattino si sono svegliati accusando malori, hanno chiamato la guardia medica che ha dato l'allarme a 118 e carabinieri. Intossicazioni da monossido per i genitori e i 2 figli minorenni, trasportati all'ospedale di Bolzano

Si sono svegliati alle prime ore del mattino odierno, sabato 2 novembre, accusando malori e giramenti di testa. La sera prima avevano portato in camera da letto un braciere, un contenitore metallico con dentro braci ardenti, prese dalla stufa, per scaldarsi. E' così che è finita intossicata un'intera famiglia di Ala, marito e moglie con i figli di 8 e 10 anni. I locali dell'appartamento sono piuttosto piccoli e le braci hanno finito per consumare tutto l'ossigeno delle stanze. Appena hanno avvertito i primi sintomi hanno chiamato la guardia medica che a sua volta ha chiamato il 118. Sul posto sono stati chiamati anche i carabinieri per gli accertamenti del caso. Tutti e quattro sono stati trasportati d'urgenza all'ospedale di Bolzano dove potranno rievere le cure contro l'intossicazione da monossido di carbonio. Fortunatamente non sono in pericolo di vita. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frecce Tricolori sui cieli di Trento: ecco quando vederle

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento