menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carabiniere aggredito da un orso: catturato e trasportato al Casteller

L'aggressione alle 22.30 al Laghetto. Il giovane esemplare è poi stato trovato in paese e catturato

Carabiniere fuori servizio aggredito da un orso ad Andalo. Un giovane esemplare, con ogni probabilità M57, si è reso protagonista nella serata di sabato 22 agosto di un attacco ad un uomo ad Andalo, nei pressi del laghetto alle porte del paese, meta di passeggiate serali per tanti villeggianti e residenti.

Attorno alle 22.30 l’orso, un esemplare di 121 chili e circa due anni e mezzo di età, ha aggredito il carabiniere fuori servizio, che stava facendo una breve passeggiata in compagnia di un'altra persona, buttandola a terra e provocandole diverse ferite. Il presidente della Provincia Maurizio Fugatti ne ha quindi disposto la cattura d'urgenza per motivi di sicurezza pubblica.

L'aggressione, secondo le testimonianze raccolte dai due,  è stata improvvisa, senza provocazione: è avvenuta nei pressi del lago-biotopo che d’inverno è anche utilizzato come pista di fondo. L’area è adiacente a diverse attrezzature sportive (fra cui maneggio, palestra di roccia, campo da calcetto e un campeggio) ed è un punto di attrazione molto frequentato dai turisti.

La cattura è avvenuta quando l'orso era ancora intento a rovistare nei cassonetti della spazzatura, in free ranging (sparando il narcotico all'orso libero) verso le 4 del mattino, con il supporto del personale veterinario specializzato. Le operazioni sono state seguite anche dal sindaco di Andalo, oltre che dal presidente della Provincia che è rimasto in collegamento costante con i forestali. L’orso è stato quindi trasportato al Casteller.

Si attende l'esame genetoci per conoscere la sua identità. Con ogni probabilità è M57, orso che negli scorsi mesi aveva già manifestato una indole estremamente confidente nei confronti dell’uomo, destando preoccupazione e venendo quindi monitorato nelle sue azioni. L'orso aveva infatti seguito molto da vicino degli escursionisti nei boschi dell'altopiano della Paganella, aveva fatto incursione nei centri abitati e aveva più volte rovistato nei cassonetti in cerca di cibo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento