Accoltellato alla gola dal fratello: "Mi voleva uccidere perché sono gay"

La confessione della vittima della violentissima aggressione di giovedì scorso ai microfoni della Rai

La vittima Fulvio Cipriani (foto dal suo profilo Facebook)

"Mio fratello voleva uccidermi perché sono omosessuale". Questa la dichiarazione ai microfoni della Rai di Fulvio Cipriani, il 53enne che lo scorso giovedì è stato pugnalato alla gola per strada a Borgo Valsugana dal fratello minore.

L'uomo ha raccontato di anni di vessazioni e soprusi subiti dal fratello e dal padre. "Non digerivano la mia omosessualità", ha detto la vittima, raccontando di aver trovato accoglienza nella casa protetta di un'associazione fuori dalla provincia di Trento. A novembre però il 53enne è tornato a Borgo, ospite da un'amica e in questa occasione il fratello lo ha assalito propria sotto casa della donna. "La sua intenzione era di uccidermi - dice Cipriani -. Era un colpo mirato non ho dubbi".

"Non ho il coraggio di guardare la ferita - ha confessato l'aggredito -, ma a fare ancora più male sono le umiliazioni di mesi recluso in camera mia, per non incappare nelle loro angherie. Avevo tagliato una bottiglia ed ero costretto a fare pipì lì dentro".

L'accoltellamento

Fulvio Cipriani è stato accoltellato dal fratello, per strada, nel centro di Borgo Valsugana, nel pomeriggio di giovedì 14 novembre, poco prima delle 17. Sul posto erano subito accorse due ambulanze di Trentino Emergenza e i carabinieri di Borgo Valsugana. 

La vittima aveva ricevuto un fendente alla gola, ma al momento dell'arrivo dei soccorritori era cosciente ed era stato portato all'ospedale in ambulanza, in codice giallo. L'accoltellatore, subito fermato dopo la violenta aggressione, è stato portato in carcere e dovrà rispondere dell'accusa di tentato omicidio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvo grazie a giacca e maglione

A salvare il 53enne è stata la presenza del collo del giaccone e del maglione. Sono stati questi - si leggeva in una nota dei carabinieri - a evitare che l'arma, un coltello da caccia dalla lama di dieci centimetri, gli recidesse la carotide. L'accusa nei confronti dell'assalitore è quella di tentato omicidio: le ferite riportate dal 53enne potevano essere fatali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento