menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Accoltellamento (repertorio)

Accoltellamento (repertorio)

Pugnalato alla gola dal fratello con coltello da caccia: salvo grazie a giacca e maglione

L'episodio a Borgo Valsugana nel pomeriggio di giovedì 15 novembre. L'aggressore dovrà rispondere di tentato omicidio

A salvare l'uomo che nel pomeriggio di giovedì è stato pugnalato alla gola dal fratello nel centro di Borgo Valsugana è stata la presenza del collo del giaccone e del maglione. Sono stati questi - si legge in una nota dei carabinieri - a evitare che il coltello da caccia dalla lama di dieci centimetri gli recidesse la carotide.

L'accoltellamento

Verso le 16:40 in viale Asugum l'aggressore ha colpito il fratello minore con l'intento "di ucciderlo", scrivono i militari, intervenuti tempestivamente sul posto per arrestare l'assalitore, che intanto stava cercando di rientrare a casa. Appena avvenuto l'accoltellamento alcuni passanti sentendo le urla di dolore hanno avvisato il 118 che è subito accorso per soccorrere la vittima.  I motivi del folle gesto sono riconducibili a vecchi e perduranti contrasti familiari.

Il ferito ha ricevuto un fendente alla gola, ma al momento dell'arrivo dei soccorritori era cosciente: è stato portato all'ospedale in ambulanza, in codice giallo. L'accusa, riferiscono i carabinieri di Borgo, è comunque quello di tentato omicidio: le ferite riportate dal 53enne potevano essere fatali. L'aggressore si trova nel carcere di Trento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Covid, sintesi del nuovo Dpcm

Attualità

Giovo è in zona rossa, cosa si può fare?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento