rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Politiche Abitative / Arco

Tasse ridotte per chi affitta casa ad Arco: c’è l’accordo

Sindacati, rappresentati degli inquilini e dei proprietari hanno trovato l’intesa sul canone concordato

Dopo Riva del Garda, anche ad Arco sindacati, inquilini e proprietari hanno trovato l’accordo sul canone concordato.

La firma è arrivata mercoledì 30 novembre, con l’intesa sottoscritta da Sunia Cgil, Uniat Uil, Sicet Acli per gli inquilini e Federproprietà, Unione Piccoli Proprietari e Confappi, che ha fissato un intervallo di valori per la definizione del canone d’affitto con un livello massimo ridotto tra il 20 e il 30% rispetto al prezzo di mercato.

In altre parole, i proprietari che aderiscono a questo tipo di contratto avranno un’aliquota fiscale più che dimezzata (10% invece del 21) sulla cedolare secca e un imponibile netto ridotto al 66,5% dell’Irpef.

Soddisfatta l’assessore al bilancio di Arco Francesca Modena, così come i rappresentati dei proprietari e degli inquilini.

Così i sindacalisti Manuela Faggioni e Fausto Gardumi: “La nostra richiesta, avanzata anche alla Provincia, è quella di modificare la legge provinciale sull’Imis aumentando l’aliquota a chi tiene gli alloggi sfitti e incentivare invece, attraverso la riduzione della stessa aliquota, chi li rende disponibili sul mercato. Ci auguriamo si vada in questa direzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tasse ridotte per chi affitta casa ad Arco: c’è l’accordo

TrentoToday è in caricamento