A scuola solo chi è vaccinato, sì delle regioni

Il piano prevede anche possibili sanzioni ai medici che sconsigliano i vaccini. Il governo finanzierà le regioni ordinarie, mentre le speciali dovranno istituire un proprio fondo. La spesa annua per la Provincia di Trento potrebbe aumentare dai 3 attuali a 5 milioni di euro

I bambini non vaccinati potrebbero non entrare a scuola. La Conferenza delle Regioni ha deciso di dare parere favorevole al Pano nazionale della prevenzione vaccinale 2016-2018. Il piano prevede anche possibili sanzioni ai medici che sconsigliano i vaccini. Il ministero dell’Economia per ora ha chiesto un rinvio per approfondire "alcuni aspetti tecnici", legati all’impatto finanziario del provvedimento.

LEGGI LA NOTIZIA SU TODAY.IT clicca qui

Un rinvio del parere finale legato quindi alla copertura economica, I fondi necessari sarebbero circa 300 milioni di euro. Il divieto di iscrizione a scuola per i bambini non vaccinati dovrà essere eventualmente regolato da una legge. Il governo finanzierà le regioni ordinarie, mentre le speciali dovranno istituire un proprio fondo. La spesa annua per la Provincia di Trento potrebbe passare dai 3 ai 5 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coniugi bolzanini scomparsi: trovati degli indumenti nell'Adige a sud di Trento

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Proverbi trentini di gennaio: tra viole, lucertole, neve e santi

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento