Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca San Giuseppe / Via delle Ghiaie

Profughi, Rossi e Zeni chiedono un ulteriore sforzo ai comuni

La ripresa dei flussi migratori verso l'Italia ha spinto la Provincia a chiedere l'impegno di tutti i territori per sgravare le strutture di Trento e Rovereto. Ancora nessun richiedente asilo in Val di Fassa, Sole, Paganella e altipiani cimbri

Dopo gli accordi UE-Turchia di marzo la rotta del mediterraneo ha ripreso ad essere centrale nella geografia delle migrazioni.

Questo comporta, anche in Trentino, un incremento delle presenze. Attualmente, sul territorio provinciale si registrano 1.207 persone che richiedono protezione internazionale. Un numero destinato ad aumentare rapidamente, scrivono il governatore Rossi e l'assessore Zeni in una lettera inviata al consiglio delle autonomie locali.

Nel concreto – aggiungono Rossi e Zeni – quello che vi proponiamo è di collaborare attivamente alla ricerca di immobili, pubblici o privati, da destinare all'accoglienza delle persone richiedenti protezione internazionale, impegnandovi anche a diffondere alcune importanti informazioni che potrebbero contribuire alla soluzione del problema e che si vogliono qui riassumere:

· Il contratto d'affitto sarà stipulato, quale conduttore, dal Dipartimento salute e solidarietà sociale della Provincia autonoma di Trento, che solo intratterrà i rapporti con la proprietà dell'immobile.
· Il corrispettivo dell'affitto (ricavato dal fondo statale dedicato all'accoglienza) sarà proporzionale al numero di persone ospitabili nell'immobile ed è quantificato in circa 120/150 euro/mese a persona.
· L'immobile deve essere localizzato all'interno del territorio provinciale, possibilmente ubicato in prossimità dei centri abitati e di zone servite dai mezzi di trasporto pubblici.
· Si garantisce massima flessibilità sulla durata del contratto d'affitto, per venire incontro alle esigenze dei proprietari.
· Le persone richiedenti asilo sono inserite in un percorso d'accoglienza, quindi seguite da realtà di privato sociale, a cui poter far riferimento in caso di necessità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi, Rossi e Zeni chiedono un ulteriore sforzo ai comuni

TrentoToday è in caricamento