Trento, 1.200 giochi tossici cinesi sequestrati

I giocattoli sono risultati contenere una percentuale di esteri ftalati (sostanze plastificanti tossiche) pari al 30% rispetto al peso del giocattolo, quindi ben oltre il limite dello 0,1% previsto dalla normativa comunitaria. L'importatore è stato denunciato alla Procura di Trento

Sequestrati 1200 giocattoli risultati tossici e destinati ai bambini. L'Agenzia delle dogane di Trento ha denunciato l'importatore cinese alla procura della Repubblica per i reati di frode in commercio, false attestazioni di privato in atto pubblico, falso ideologico per induzione in errore di pubblico ufficiale e immissione in consumo di prodotti pericolosi. I prodotti erano dichiarati come «gioco per animale», cioè polli e maiali, ma le etichette originali, spiega l'Agenzia delle dogane, erano del tutto fuorvianti e inducevano a ritenere che i giochi fossero destinati ai bambini. I giocattoli sono risultati contenere una percentuale di esteri ftalati (sostanze plastificanti tossiche) pari al 30% rispetto al peso del giocattolo, quindi ben oltre il limite dello 0,1% previsto dalla normativa comunitaria.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

Torna su
TrentoToday è in caricamento