Trento, 1.200 giochi tossici cinesi sequestrati

I giocattoli sono risultati contenere una percentuale di esteri ftalati (sostanze plastificanti tossiche) pari al 30% rispetto al peso del giocattolo, quindi ben oltre il limite dello 0,1% previsto dalla normativa comunitaria. L'importatore è stato denunciato alla Procura di Trento

Sequestrati 1200 giocattoli risultati tossici e destinati ai bambini. L'Agenzia delle dogane di Trento ha denunciato l'importatore cinese alla procura della Repubblica per i reati di frode in commercio, false attestazioni di privato in atto pubblico, falso ideologico per induzione in errore di pubblico ufficiale e immissione in consumo di prodotti pericolosi. I prodotti erano dichiarati come «gioco per animale», cioè polli e maiali, ma le etichette originali, spiega l'Agenzia delle dogane, erano del tutto fuorvianti e inducevano a ritenere che i giochi fossero destinati ai bambini. I giocattoli sono risultati contenere una percentuale di esteri ftalati (sostanze plastificanti tossiche) pari al 30% rispetto al peso del giocattolo, quindi ben oltre il limite dello 0,1% previsto dalla normativa comunitaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Incidenti, si schianta con l'auto contro un muretto: morta mamma di quattro figli

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

  • Tragico incidente a Pampeago: si schianta fuori pista e muore

  • Incidente al Bus de Vela, traffico bloccato ed ambulanze sul posto

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

Torna su
TrentoToday è in caricamento