rotate-mobile
TrentoToday

Clacson motorsport tra corsica e veneto

All'Aleria Historic Rally la famiglia Guillot è nona di raggruppamento mentre al Benacus Rally, valido per la CRZ, Pioner si allena sull'asfalto con un buon sesto di classe A6.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Fine settimana particolarmente impegnativo per Clacson Motorsport, due i campi di gara sui quali il team con base a Strigno è stato protagonista. Alla prima edizione dell'Aleria Historic Rally la squadra trentina schierava un'Opel Corsa GSI gruppo A per Orly Guillot, affiancato dal figlio Anteo, alla prima esperienza rallystica. L'appuntamento riservato alle auto storiche, andato in scena nel recente weekend nell'omonima cittadina in Corsica, ha visto l'inedita accoppiata padre e figlio partire cauta, prendendo le misure alla trazione anteriore tedesca, per poi salire di passo ed andare a cogliere un buon nono posto in raggruppamento A VHC J nonchè il trentaseiesimo nella classifica assoluta. “Prima di tutto vorrei ringraziare alcuni ottimi compagni di viaggio” – racconta Gonzo (titolare Clacson Motorsport) – “come Lorenzo, Federica ed Andrea di Jazz Tech Team di Padova. Grazie di cuore anche a Masina Palitta, prezioso il suo supporto. Per quanto riguarda la gara è stata una bellissima esperienza, persone molto cordiali ed ospitali. Avevamo al via un equipaggio composto da padre e figlio, tutti e due all'esordio assoluto nei rally. Sono migliorati di prova in prova, senza commettere errori, ed hanno ottenuto tempi interessanti nella seconda tappa. Con la nostra sempreverde Corsa si sono divertiti molto. In prova guidava il papà, in trasferimento il figlio. A quest'ultimo è rimasta la voglia di provare l'auto in gara e speriamo di ritrovarci presto assieme. Noi abbiamo partecipato soltanto alle tre tappe in asfalto, duecentosei chilometri di speciali e seicentodieci complessivi di gara. Esperienza da ripetere.” Presenza d'obbligo, conclusa con un buon sesto di classe A6, per Maurizio Pioner, affiancato come di consueto da Bruna Ugolini, al Benacus Rally organizzato dalla scuderia Daytona Race. Il portacolori del sodalizio a capo dell'evento, valido per la Coppa Rally ACI Sport zona tre, ritornava alla guida sull'asfalto e, a bordo dell'Opel Corsa GSI gruppo A in versione sedici valvole, andava a chiudere la giornata di Sabato con un risultato che lo soddisfa in pieno. “Non potevamo mancare alla gara organizzata dalla nostra scuderia” – racconta Pioner – “ed abbiamo così deciso, con molto piacere, di essere al via del Benacus Rally. Era dal San Martino di Castrozza storico dello scorso anno che non guidavamo su asfalto e passare dallo sterrato su una Suzuki Swift Super 1600 ad un'Opel Corsa GSI non è stata una passeggiata. È stata la giusta occasione di riprendere confidenza con l'asfalto, mettendo in pausa il nostro programma nel Raceday, per concentrarci su uno degli appuntamenti più sentiti per noi trentini ovvero la Trento Bondone. La vettura di Clacson Motorsport, come sempre del resto, si è comportata benissimo ed era adatta al percorso che abbiamo affrontato in gara. Prove corte ma molto belle. Un particolare plauso lo vorrei fare al team. Sono rientrati nella notte dalla Corsica, dove erano impegnati con l'Aleria Historic Rally, e sono riusciti a mettere a punto perfettamente la nostra vettura, seguendo ogni nostra esigenza. Sono stati sempre impeccabili ma, in questa occasione, si sono superati ulteriormente. Complimenti a Clacson Motorsport.”

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clacson motorsport tra corsica e veneto

TrentoToday è in caricamento