Attualità

Cosa succede se il Trentino finisce in zona gialla

Ferro (Apss): "Stiamo scivolando in zona gialla"

"Stiamo scivolando in zona gialla". È questa la frase pronunciata dal direttore generale dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari Antonio Ferro, lunedì 6 dicembre, in conferenza stampa dall'hub vaccinale di Lavis. Una frase che mette certamente in allarme molti, perché un cambio colore può solo che portare maggiori restrizioni. 

Altre notizie qui

Il Trentino, al momento, sfora i parametri della zona gialla per quanto riguarda l'incidenza (vicina ai 200 casi ogni 100mila abitanti contro un limite di 50) e l'occupazione dei posti letto in terapia intensiva: a lunedì infatti, le persone ricoverate in rianimazione sono 10, su un totale di 90 posti dichiarati in area critica. Il limite è fissato al 10%, e dunque superato.  Un occhio va dato anche all'occupazione dei posti letto in area medica. Secondo il report di chiusura di lunedì 6 dicembre, i posti occupati sono 73. Il limite da non superare in questo caso, è pari al 15% del totale, percentuale che per il Trentino equivale a 78 posti. In sostanza: se non dovessero scendere i ricoveri in terapia intensiva e dovessero arrivare altre 5 ospedalizzazioni, il Trentino finirebbe in zona gialla. "Se continuiamo con questo parametro, arriveremo facilmente a superare i 100 posti letto entro due settimane" ha sottolinaeto il dottor Ferro.

Ma cosa succede in zona gialla?

Le restrizioni sono poche per tutti e più consistenti per chi non è vaccinato. La principale differenza tra zona bianca e zona gialla riguarda l'utilizzo della mascherina, che nel secondo caso è obbligatoria anche nei luoghi all'aperto oltre che al chiuso. Con l'introduzione del super green pass, invece, cambiano le regole soprattutto per i non vaccinati. Da lunedì 6 dicembre in zona bianca e gialla l'accesso a bar e ristoranti al chiuso, cinema, teatri, stadi e altre attività è riservato solo a coloro che sono in possesso della certificazione verde rafforzata, ottenibile solo dai vaccinati o guariti dal Covid. Inoltre, il green pass "base" ottenuto anche con un tampone sarà obbligatorio per accedere ai luoghi di lavoro, per utilizzare il trasporto pubblico locale, i mezzi di trasporto regionali e interregionali e per soggiornare negli alberghi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa succede se il Trentino finisce in zona gialla
TrentoToday è in caricamento