Coronavirus, la storia di Martina: "Io e la signora che assisto come volontaria siamo diventate amiche"

È una delle testimonianze della rete di volontari Pronto Pia a Trento

Immagine repertorio

"Il legame creato con la signora che aiuto, va oltre le commissioni". Sono le parole di Martina Camatta, 40 anni, una delle tante e dei tanti volontari della rete Pronto Pia che a Trento sostiene gli anziani supportandoli con spesa e medicine. 

"Mi manda il buongiorno ogni mattina - racconta la volontaria riferendosi alla persona che le è stata assegnata e di cui è diventata amica -, ci facciamo videochiamate e chiacchierate sul pianerottolo, naturalmente a distanza e con la mascherina”. 

La storia di Martina

Martina, residente nella circoscrizione di San Giuseppe-Santa Chiara (che presenta un alto tasso di popolazione anziana), all'indomani dell'emergenza coronavirus ha dato la propria disponibilità a consegnare la spesa o le medicine agli anziani soli. In tutto sono 600 i volontari che si occupano di queste attività.  

“Ho trovato un mondo che non conoscevo, pieno di risorse e stimolante – racconta la donna –. Non avevo mai fatto la volontaria, ma quando ho letto sulla pagina Facebook del Comune che c'era bisogno di persone disponibili ad aiutare gli anziani del quartiere ho subito pensato di attivarmi. Mi hanno assegnato una persona che sta vicino a casa mia, una signora del '42, insegnante in pensione, che ha i figli residenti in un altro comune. Ogni giovedì vado per lei in farmacia, al supermercato, alla saponeria e al tabacchino. Abbiamo scelto il giovedì perché è il giorno in cui esce La settimana enigmistica, che lei acquista regolarmente”.

Il rapporto tra Martina e la signora che aiuta è diventato più profondo di giorno in giorno: "È una signora molto informata - racconta la volontaria - e anche tecnologica, condivide con me articoli su argomenti che le interessano. Scherziamo sul fatto che prima o poi ci vedremo 'a volto scoperto' e potremo andare a prendere il caffè nel bar sotto casa. Insomma, ci stiamo organizzando per il dopo, facciamo programmi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Proverbi trentini di gennaio: tra viole, lucertole, neve e santi

  • Coniugi bolzanini scomparsi: trovati degli indumenti nell'Adige a sud di Trento

  • Il Trentino rimane zona gialla, unico territorio in tutto il Nord Italia

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento