Giovedì, 29 Luglio 2021
Attualità Villazzano

Villazzano, dopo la violenza nasce un "manifesto" degli studenti di quinta: «Noi sappiamo»

Il lavoro Joseph, Alessandro, Dardan, Andrea, Matteo, Riccardo, Michele, Daniel, Karin, Patrick, Francesco, Henry Patricio, Riccardo, Simone, Youssef, Stefano, Marco, Nick Steven, Nicola, Nicholas, Samuele, Murik, Luca, Daniele, Johan Josuè, Betim, Daniele è una riflessione su quanto accaduto il 21 maggio, fuori dalla loro scuola

Bullismo e violenza, parlano gli studenti dell'Enaip. L'episodio di Villazzano, quello che ha visto un giovane picchiato fuori da scuola il 21 maggio e soccorso da una persona che passava in quel momento in auto, non smette di fare rumore. Il fatto era stato raccontato su Facebook da chi aveva visto e soccorso il ragazzo, l'assessore provinciale Mirko Bisesti aveva commentato la vicenda condannando simili atti di violenza e ribadendo che la Provincia è impegnata su queste tematiche.

Anche il direttore generale di Enaip Trentino, Massimo Malossini, aveva commentato la vicenda, nel comunicato inviato alla stampa il fine settimana dopo l'aggressione, quello che era stato raccontato come un "pestaggio" è stato ridimensionato. «Nel merito delle notizie apparse sui social e su altri organi di informazione nel corso della giornata di oggi (sabato 22 maggio ndr) ci preme fornire alcune ulteriori informazioni e precisazioni» si legge nella nota. «Dalle informazioni che abbiamo raccolto abbiamo appurato che si è trattato di un litigio che ha coinvolto due allievi di una classe del CFP di Villazzano a fine lezioni avvenuto sul marciapiede esterno alla scuola».

Una decina di giorni dopo l'evento che ha portato parecchia indignazione sui social, è arrivata una riflessione dagli studenti delle classi 5°A e 5°B CAPES  “Manutenzione e assistenza tecnica” del CFP ENAIP di Villazzano. «I fatti che hanno coinvolto noi ragazzi dell’Enaip di Villazzano nell’ultima settimana sono noti a tutti purtroppo» spiegano i ragazzi anticipando il loro "manifesto" . «Nessuno invece conosce il nostro sconforto, la nostra frustrazione rispetto allo svilimento del nostro lavoro e delle nostre progettualità professionali, e per molti aspetti anche esistenziali. Noi ragazzi di quinta siamo più grandi e maturi e abbiamo più strumenti di analisi. Questo sconforto e questa maggior consapevolezza ci hanno portato a riflettere e a dialogare con fervore su quanto accaduto nelle lezioni destinate all’educazione alla cittadinanza».

Il lavoro Joseph, Alessandro, Dardan, Andrea, Matteo, Riccardo, Michele, Daniel, Karin, Patrick, Francesco, Henry Patricio, Riccardo, Simone, Youssef, Stefano, Marco, Nick Steven, Nicola, Nicholas, Samuele, Murik, Luca, Daniele, Johan Josuè, Betim, Daniele ha la forma di, come lo hanno chiamato loro, un "quasi-manifesto". Il risultato della riflessione condivisa, guidata e raccolta in forma scritta dalla nostra insegnante di lingua e letteratura italiana con la quale gli studenti hanno deciso di scegliere il format pasoliniano dell’io so. «Se quello di Pasolini era di fatto un atto di accusa, il nostro vuole più somigliare ad un gesto a difesa del nostro valore e dei nostri meriti» concludono.

Noi sappiamo

Noi sappiamo che la violenza non può mai dirsi risolutiva e che quando la si sceglie se ne chiama sempre più, come in un gorgo, in una spirale.

Noi sappiamo che chi usa violenza, fosse anche per una causa condivisibile, passa sistematicamente dalla parte del torto; noi sappiamo al contempo che i più piccoli e inesperti fra noi sono spesso fortemente tentati dalla risoluzione spiccia e che in questo devono essere aiutati.

Noi sappiamo che il bullismo non è solo una perversione dei rapporti umani, ma anche una corruzione dell’anima del carnefice che mina alle fondamenta la sua stessa dignità. Il bullo prima lo isoli e poi lo recuperi.

Noi sappiamo che i pregiudizi nascondono pensieri facili e preconfezionati e che le etichette ci consentono di dare un nome alle cose anche quando fatichiamo a orientarci.

Noi sappiamo che questa morale tascabile, standardizzata è molto rassicurante e che è spesso frutto delle nostre paure e delle nostre pigrizie; che “fare di tutta un’erba un fascio” permette di riordinare il buono col buono e il cattivo col cattivo chiudendo gli occhi all’ambiguità e alla promiscuità dei sentimenti aprendo invece ad una realtà semplificata.

Noi sappiamo che la scuola, come la società, è una grande comunità incentrata sul principio di solidarietà e che quando qualcuno sbaglia è necessario mitigare il rigore con la comprensione e l’empatia: chi di noi è senza peccato scagli la prima pietra! E noi sappiamo che la scuola è di fatto una enorme opera di semina i cui frutti un giorno ci saranno chiari: chi oggi accoglie la nostra fragilità e il nostro lato oscuro domani vedrà come noi sapremo accogliere quello degli altri.

Noi sappiamo imparare prevalentemente con l’esempio.

Noi sappiamo che buona parte della nostra vita oggi si gioca nel virtuale ma che il virtuale non può essere pienamente autentico.

Noi sappiamo che dietro scelte, parole e pensieri si nascondono, a monte, emozioni non per forza strettamente ad essi collegate e che queste condizionano i contenuti e i modi del nostro comunicare.

Noi sappiamo che questo mondo molto social si compone in fondo di tanti incompresi monologhi. E sappiamo purtroppo come certo protagonismo emotivo non possa che fornire solo un parziale punto di vista. Noi sappiamo che il giornalismo tollera spesso di adeguare la sua cronaca a un resoconto passionale e ad effetto e che accetta di buon grado di seguire le piste battute dai social trasformando in tal modo il fatto nell’interpretazione del fatto.

Noi sappiamo al contempo che siamo in fondo noi stessi a concedere il benestare a questo tipo di giornalismo e che quindi potrebbe, allo stesso tempo, spettare a noi chiederne il cambiamento.

Noi sappiamo che la politica ama appropriarsi del palcoscenico, soprattutto in funzione elettorale e che non ha remore a farlo, nemmeno quando il suo scalpitare comporta il maneggiare fatti e persone di cui ha solo una vaghissima idea. Noi sappiamo tutto questo e molto altro e ne abbiamo avuto la prova schiacciante nell’ultima settimana trascorsa a leggere di noi.

Noi sappiamo, perché siamo ragazzi che pensano e perché tutto quanto ci accade, a scuola e fuori, è per noi materia di riflessione e studio. Tutto ciò fa parte del mestiere che faremo e delle sue modalità: lavoriamo in team e in gruppo elaboriamo quanto ci accade, nella convinzione che il pensiero più vicino al vero è quello aperto alla condivisione reale e alla sincerità delle intenzioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villazzano, dopo la violenza nasce un "manifesto" degli studenti di quinta: «Noi sappiamo»

TrentoToday è in caricamento